content here is the anonymously transparent proxied version of ecb.europa.eu   X
Opzioni di ricerca
Home Media Facciamo chiarezza Studi e pubblicazioni Statistiche Politica monetaria L‘euro Pagamenti e mercati Lavorare in BCE
Suggerimenti
Ordina per

Decisioni assunte dal Consiglio direttivo della BCE (in aggiunta a quelle che fissano i tassi di interesse)

Febbraio 2021

19 febbraio 2021

Operazioni di mercato

Riesame annuale degli elenchi dei mercati non regolamentati ammessi e delle agenzie riconosciute nell’ambito del sistema di garanzie dell’Eurosistema

Il 22 gennaio, a seguito del riesame annuale dei due elenchi, il Consiglio direttivo ha deciso di aggiungere SI ENTER all’elenco dei mercati non regolamentati ammessi e UAB Valstybės investicinis kapitalas (VIK) e Slovenská záručná a rozvojová banka, a.s. (SZRB) all’elenco delle agenzie riconosciute. Entrambi gli elenchi sono disponibili nel sito Internet della BCE.

Modifiche alla decisione sulla terza serie di operazioni mirate di rifinanziamento a più lungo termine

Il 29 gennaio il Consiglio direttivo ha adottato la Decisione (UE) 2021/124 (BCE/2021/3) che modifica la Decisione (UE) 2019/1311 (BCE/2019/21) su una terza serie di operazioni mirate di rifinanziamento a più lungo termine (OMRLT-III). Il Consiglio direttivo ha inoltre deciso che fino al 15 febbraio 2021: (1) sono ammesse modifiche alla composizione di un gruppo OMRLT-III con l’inclusione di nuovi membri limitatamente agli enti creditizi non appartenenti a un altro gruppo OMRLT-III riconosciuto e (2) possono essere costituiti nuovi gruppi OMRLT-III da controparti che hanno partecipato individualmente a OMRLT-III precedenti, per consentire loro di iniziare a partecipare dalla settima OMRLT-III come membri di un gruppo. Il nuovo calendario delle OMRLT-III è consultabile sul sito Internet della BCE.

Posizione comune dell’Eurosistema sugli investimenti sostenibili e responsabili connessi ai cambiamenti climatici nell’ambito dei portafogli non inerenti alla politica monetaria

Il 3 febbraio il Consiglio direttivo ha adottato una posizione comune dell’Eurosistema sull’attuazione concreta dei principi per investimenti sostenibili e responsabili connessi ai cambiamenti climatici nell’ambito dei portafogli denominati in euro non inerenti alla politica monetaria detenuti dalla BCE e dalle banche centrali nazionali dei paesi dell’area dell’euro. La posizione comune prepara il terreno per la misurazione delle emissioni di gas serra e altre metriche relative agli investimenti sostenibili e responsabili di tali portafogli. L’Eurosistema intende iniziare a divulgare con frequenza annuale le metriche relative al clima per questo tipo di portafogli entro i prossimi due anni. Si rimanda al comunicato stampa pubblicato nel sito Internet della BCE.

Modifiche alla decisione sul programma temporaneo di acquisto per l’emergenza pandemica

Il 10 febbraio il Consiglio direttivo ha adottato le modifiche alla Decisione (UE) 2020/440 su un programma temporaneo di acquisto per l’emergenza pandemica (PEPP) (BCE/2020/17). L’atto giuridico rivisto (Decisione (UE) 2021/174 (BCE/2021/6)) dà attuazione alle decisioni relative al PEPP che il Consiglio direttivo ha assunto il 10 dicembre 2020.

Infrastrutture di mercato e pagamenti

Modifiche al regime di Target2-Securities

Il 22 gennaio il Consiglio direttivo ha approvato le modifiche tecniche al contratto quadro (Framework Agreement) e all’accordo di partecipazione di valuta (Currency Participation Agreement) di Target2-Securities. Gli aggiornamenti riguardano le parti seguenti del contratto e dell’accordo: schema 1 (definizioni), schema 5 (descrizione dei servizi), schema 8 (governance) e schema 9 (gestione delle modifiche e delle versioni). I due documenti modificati saranno firmati a breve dalle parti contraenti.

Pareri su proposte di disposizioni legislative

Parere della BCE su una proposta di regolamento relativo ai pagamenti transfrontalieri nell’Unione

Il 25 gennaio il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2021/3, richiesto dal Consiglio dell’Unione europea.

Governance interna

Raccomandazione della BCE al Consiglio dell’Unione europea sui revisori esterni della Deutsche Bundesbank

Il 4 febbraio il Consiglio direttivo ha adottato la Raccomandazione BCE/2021/4 al Consiglio dell’Unione europea sui revisori esterni della Deutsche Bundesbank.

Raccomandazione della BCE al Consiglio dell’Unione europea sui revisori esterni della Eesti Pank

Il 4 febbraio il Consiglio direttivo ha adottato la Raccomandazione BCE/2021/5 al Consiglio dell’Unione europea sui revisori esterni della Eesti Pank.

Nomina di un nuovo membro del Comitato di sorveglianza dello euro short-term rate

Il 15 febbraio il Consiglio direttivo ha nominato Imène Rahmouni-Rousseau, Direttrice Generale della DG Operazioni di mercato, nuovo membro della BCE al Comitato di sorveglianza dello euro short-term rate (€STR) con effetto immediato. La nomina fa seguito al cambiamento di posizione del precedente membro, Cornelia Holthausen, che ha recentemente assunto nuove mansioni presso la BCE. Il Comitato è incaricato di esaminare, sottoporre a verifica e riferire in merito a tutti gli aspetti del processo di determinazione del tasso, come stabilito dall’indirizzo sull’€STR. Maggiori informazioni sul Comitato di sorveglianza dell’€STR sono reperibili nel sito Internet della BCE.

Bilancio della BCE per l’esercizio 2020

Il 17 febbraio il Consiglio direttivo ha approvato il bilancio della BCE, sottoposto a revisione, per l’esercizio finanziario 2020. Il documento, unitamente a un comunicato stampa, è stato pubblicato il 18 febbraio nel sito Internet della BCE.

Statistiche

Revisione dei regolamenti sull’applicazione degli obblighi di riserva e sulle voci di bilancio degli enti creditizi e del settore delle istituzioni finanziarie monetarie

Il 22 gennaio il Consiglio direttivo ha adottato il Regolamento BCE/2021/1 sull’applicazione degli obblighi di riserve minime (rifusione) e il Regolamento BCE/2021/2 relativo alle voci di bilancio degli enti creditizi e del settore delle istituzioni finanziarie monetarie (rifusione). Le revisioni apportate nella rifusione del regolamento sugli obblighi di riserva riguardano: (1) l’inclusione delle imprese di investimento di rilevanza sistemica nel perimetro degli enti creditizi soggetti a tali obblighi, (2) le condizioni applicabili ai fondi propri ai fini del calcolo delle riserve obbligatorie e (3) le condizioni per la segnalazione degli elementi soggetti a riserva su base aggregata. Le revisioni apportate nella rifusione del regolamento sulle voci di bilancio consentiranno di produrre nuove statistiche per l’analisi degli andamenti monetari e creditizi nell’area dell’euro dall’inizio del 2022. Il progetto di revisione del regolamento è stato sottoposto a consultazione pubblica nel febbraio 2020. Un resoconto (feedback statement) contenente una sintesi dei commenti ricevuti nell’ambito della consultazione e le revisioni in seguito recepite nella rifusione del regolamento sono pubblicati nel sito Internet della BCE.

Vigilanza bancaria

Priorità di vigilanza per il 2021, valutazione dei rischi e delle vulnerabilità e risultati aggregati dello SREP 2020

Il 19 e il 26 gennaio il Consiglio direttivo non ha sollevato obiezioni in merito alla proposta del Consiglio di vigilanza di pubblicare le informazioni sulle priorità di vigilanza bancaria per il 2021 e sulla valutazione dei rischi e delle vulnerabilità, nonché i risultati aggregati del processo di revisione e valutazione prudenziale (Supervisory Review and Evaluation Process, SREP) condotto nel 2020. I documenti relativi alle priorità di vigilanza per il 2021, la valutazione dei rischi e delle vulnerabilità, il rapporto sullo SREP e il comunicato stampa in merito sono disponibili nel sito Internet della BCE dedicato alla vigilanza bancaria.

Conformità agli Orientamenti dell’ABE sugli obblighi di segnalazione e informativa a fini di vigilanza in conformità della «soluzione rapida» per il CRR in risposta alla pandemia di COVID-19

Il 27 gennaio il Consiglio direttivo non ha sollevato obiezioni riguardo alla proposta del Consiglio di vigilanza di notificare all’Autorità bancaria europea (ABE) la conformità della BCE, per gli enti significativi sottoposti alla sua vigilanza diretta: (a) agli Orientamenti dell’ABE sugli obblighi di segnalazione e informativa a fini di vigilanza in conformità della «soluzione rapida» per il CRR in risposta alla pandemia di COVID-19 (ABE/GL/2020/11) e (b) agli Orientamenti dell’ABE recanti modifica agli Orientamenti ABE/GL/2018/01 sulle informative uniformi ai sensi dell’articolo 473 bis del Regolamento (UE) n. 575/2013 (CRR) per quanto riguarda le disposizioni transitorie volte ad attenuare l’impatto dell’introduzione dell’IFRS 9 sui fondi propri allo scopo di garantire la conformità con le «soluzioni rapide» in materia di CRR in risposta alla pandemia di COVID-19 (ABE/GL/2020/12). Le soluzioni rapide per il CRR rientrano fra le misure assunte dalle istituzioni europee per mitigare l’impatto della pandemia di coronavirus (COVID-19) sugli enti creditizi degli Stati membri dell’UE. Oltre alla flessibilità consentita dalle norme vigenti, introducono alcuni adeguamenti al regolamento sui requisiti patrimoniali (Capital Requirements Regulation, CRR), ivi comprese disposizioni temporanee volte fra l’altro a rafforzare l’erogazione del credito a imprese e famiglie, sostenendo l’economia dell’UE.

Conformità agli Orientamenti dell’ABE sulle moratorie legislative e non legislative relative ai pagamenti dei prestiti applicate alla luce della crisi COVID-19

Il 28 gennaio il Consiglio direttivo non ha sollevato obiezioni riguardo alla proposta del Consiglio di vigilanza di notificare all’ABE la conformità della BCE, per gli enti significativi sottoposti alla sua vigilanza diretta, agli Orientamenti dell’ABE recanti modifica agli Orientamenti ABE/GL/2020/02 sulle moratorie legislative e non legislative relative ai pagamenti dei prestiti applicate alla luce della crisi COVID-19 (ABE/GL/2020/15). Tenuto conto della seconda ondata della pandemia di COVID-19 e delle conseguenti restrizioni economiche in diversi Stati membri dell’UE, l’ABE ha deciso di riattivare gli orientamenti sulle moratorie prorogandone l’applicazione fino al 31 marzo 2021, invece del 30 settembre 2020 stabilito in precedenza.

Conformità agli Orientamenti dell’ABE in materia di precisazione degli indicatori a rilevanza sistemica e relativa informativa

L’8 febbraio il Consiglio direttivo non ha sollevato obiezioni riguardo alla proposta del Consiglio di vigilanza di notificare all’ABE la conformità della BCE, per gli enti significativi sottoposti alla sua vigilanza diretta, agli Orientamenti dell’ABE in materia di precisazione degli indicatori a rilevanza sistemica e relativa informativa (ABE/GL/2020/14). Gli orientamenti precisano la data e gli indicatori da utilizzare nell’esercizio di valutazione per l’individuazione degli enti a rilevanza sistemica a livello globale (global systemically important institutions, G-SII), a partire dall’esercizio 2021 basato sulle informazioni di fine 2020. La metodologia dell’ABE per l’individuazione dei G-SII segue fedelmente l’approccio del Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria (CBVB) per indentificare le banche a rilevanza sistemica a livello globale (global systemically important banks, G-SIB, nella terminologia del CBVB), nonché i nuovi requisiti previsti nella quinta direttiva dell’UE sui requisiti patrimoniali (Capital Requirements Directive, CRD V).